Sportello di Orientamento

A cura di Marina Seganti e Amadori Carla

 

Sportello per i singoli e gruppi, istituzioni che si occupano di educazione, formazione, organizzazione/gestione delle risorse umane: insegnanti, genitori, nonni, educatori, associazioni, cooperative, animatori culturali, sportivi e sociali.

 

Premessa

Viviamo in un tempo difficile e complesso nel quale gli adulti rischiano di trascurare o semplificare la relazione educativa. Il compito e la responsabilità di ogni adulto è di educare piccoli-giovani a crescere con loro, dunque prendersi cura, auto-educarsi, per promuovere la consapevolezza, la forza e la lungimiranza di accompagnare piccoli, giovani e adulti nella vita e nella cultura. Viene utilizzata la metodologia dell’ ascolto, del dialogo e confronto: racconto di sé nella relazione educativa, focalizzazione di disagi e successi, individuazione dei bisogni e risorse, ricerca di strade possibili. Ogni incontro è utile per farsi e fare domande, raccontarsi, conoscersi e conoscere, rimarcare l’importanza del sentire, fare scelte ed individuare possibilità di crescita, affrontare situazioni educative complesse, nodi conflittuali, problematiche personali o relazionali, scelte, disagi, cambiamenti ed insieme cercare ipotesi di impegno-azione e di lavoro .

 

Sportello di orientamento per la comunità

Orientare è un processo di educazione e autoeducazione, di indicazione della strada da prendere per volgere lo sguardo verso la direzione desiderata, sognata, è stabilire la propria posizione rispetto a dove ci si trova per capire in quale modo sia meglio procedere e andare. Lo sportello sostiene la crescita, l’impegno, l’avvio di nuove esperienze, la maturazione dell’identità personale, la formazione, per generare scelte consapevoli. L’obiettivo è di aiutare la persona a realizzare il suo progetto di vita, a conoscere i propri bisogni e le proprie risorse sopite, i propri talenti, desideri e sogni, per essere rimotivati e re-inseriti nel lavoro e nello studio (es: persone che hanno perso il lavoro, donne casalinghe-mamme che desiderano re-insersi nello studio e/o lavoro). E’un percorso per conoscersi e conoscere, rivisitare le proprie risorse e competenze, rafforzare la propria identità, orientare impegno, autonomia e responsabilità verso la realizzazione di progetti consapevoli. La metodologia contempla il dialogo, l’ascolto, la riflessione,il confronto, l’utilizzo di linee guida per individuare bisogni e risorse, desidera promuovere la sostenibilità e sussidiarietà .

Eventuali specifici percorsi saranno co-progettati con gli interessati, al fine di rispondere ai bi-sogni dei soggetti nei rispettivi contesti.

 

Lo sportello è aperto presso le istituzioni con incontri che si svolgono in giornate e orari da definire

Gli incontri sono individuali o a piccolo gruppo.

 

Sportello di orientamento per studenti

Gli studenti talvolta all’interno del percorso scolastico, per svogliatezza, disinteresse, mancanza di chiarezza sulla propria identità, vivono un senso di malessere, smarrimento, fallimento, sprecando risorse e talenti. Lo sportello desidera aiutare gli studenti a: stabilire la propria posizione rispetto a dove ci si trova, a capire in quale modo sia meglio procedere per prendere la direzione verso cui andare; migliorare l’apprendimento attraverso efficaci metodologie e strategie di studio; volgere lo sguardo verso l’assunzione di impegno, responsabilità, azione per incontrare la direzione desiderata e sognata. L’intento è di sostenere gli studenti a conoscersi e conoscere, per aver presente quali siano i propri punti cardinali interiori, i propri sistemi di riferimento, legati ai propri valori, bisogni e desideri, per una buona coscienza su chi si è e su dove si vuole andare. Sono momenti di riflessione, di interrogazzione, di ascolto, di dialogo di sé e con gli altri, per promuovere consapevolezza. autoeducazione e autonomia sulle scelte, per rafforzare l’identità e lo star bene a scuola.

Eventuali specifici percorsi saranno co-progettati con gli interessati, al fine di rispondere ai bi-sogni dei soggetti nei rispettivi contesti.

Il progetto si attiva presso l’istituzione scuola o altri spazi cittadini, in orari e date da definire.

 

Gli incontri, previo appuntamento, si tengono presso  la casa delle associazioni di Savignano sul Rubicone  o altre sedi da concordare, da gennaio 2015; indicativamente, il primo e il terzo venerdì di ogni mese  dalle 16.00 alle 18.00.  

 

Per informazioni e appuntamenti

 

email: accademiailpiccoloprincipe@gmail.com

amadori.carla@libero.it – Tel.  347 3471299

marina.seganti@gmail.com  – Tel. 333 2669850

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *